Orario di apertura

aprile - settembre
ogni giorno, 9:00 - 18:00
 

ottobre - marzo
ogni giorno, 10:00 - 17:00

 

MUSEO È APERTO IN TUTTI I GIORNI DELL'ANNO!

TARIFFARIO


BIGLIETTI
adulti: 6 €
pensionati: 4 €
studenti, alunni: 4 €
scolari di scuola elementare: 2,5 €


VISITA GUIDATA DEL MUSEO

20 € per un'ora per gruppi meno di 15 persone


VISITA GUIDATA DI ALTRE ZONE
25 € per un'ora per uno gruppo


visite guidate di battaglia ex

Il museo di Caporetto organizza guide nelle zone dei passati di battaglia del fronte isontino. Ci si può avviare con una guida adeguatamente preparato che tiene conto dei desideri individuali dei visitatori. Più sotto sono citate alcune delle più frequenti escursioni dei nostri visitatori, tuttavia possiamo organizzare escursioni guidate diverse da quelle citate. Il costo della guida è calcolato in base al tariffario vigente.

ESCURSIONE N. 1 - KRN, BATOGNICA (M. NERO, MONTE ROSSO)

ESCURSIONE N. 2 - CRESTA KAL - KRN

ESCURSIONE N. 3 - KOLOVRAT – NA GRADU

ESCURSIONE N. 4 - MRZLI VRH (MONTE MRZLI)

 

ESCURSIONE N. 1 - KRN, BATOGNICA (M. NERO, MONTE ROSSO)

Punto di partenza: Malga Kuhinja (1000 m) - Krn (2244 m) - Skrbina (2058 m) - Batognica (2163 m) - Prag (2058 m) - Luznica (1800 m) - Kuhinja

Dislivello: 1400m da ESCURSIONE MOLTO IMPEGNATIVA

Tempo richiesto: 7 da 8 ore

Equipaggiamento per alpinisti, bastone da montagna, indumenti di riserva, fanale frontale, cibo, 2 l d’acqua a persona. Occorre un buon allenamento fisico per sport alpinistico. Nella stagione estiva sono a disposizione nella malga Kuhinja cibo e alloggio, così pure nel rifugio Gomiscek a pochi passi dalla vetta del Monte Nero.

Descrizione della escursione: la malga Kuhinja è accessibile con macchina propria o pulmino. Si sale in cima al Monte Nero lungo il suo versante meridionale seguendo la via alpina oppure la mulattiera che attraversa i pascoli alpini ed il plateau del monte. Durante la prima guerra mondiale gli alpini del battaglione Exilles conquistarono il Monte Nero e la parte occidentale della vicina Batognica (Monte Rosso), che tennero nelle proprie mani fino alla 12. battaglia dell’Isonzo. Fortificarono la vetta con trincee e caverne da cannoni. Il Monte Rosso fu teatro di scontri accaniti tra le rocce carsiche di alta montagna. Su questa montagna le posizioni delle armate in guerra era distanti appena 15 m. La guerra di mine segnò la fine di questi scontri: furono fatti brillare 4100 kg di esplosivo. Tuttora ne sono visibili gli effetti nei quattro grandi crateri. La montagna si prestava , grazie alla sua composizione geologica (roccia franabile in senso orizzontale), allo scavo di caverne e gallerie, alcune delle quali si possini tuttora perlustrare, sebbene vi sia il rischio di franamenti rocciosi che rendono obbligatorio l’uso del casco con fanale. Una galleria austriaca – Kavernenhof – che dà l’accesso all’intero sistema sotterraneo, si presta più delle altre ad essere visitata dai turisti. Passando per la sella Prag scendiamo nella vallke della Luznica fino a raggiungere il lago omonimo. Dalla stessa sella è accessibile cima Peski (2178 m) da dove possiamo vedere la zona delle retrovie austriache ed il monumento di Peski. Da qui si può ridiscendere al lago di Luznica passando per Skofic, Croda Rossa e cima Leskovca: Sulla via del ritorno passiamo vicino al monumento etnologico di malga Leskovca gravemente danneggiata dal terremoto del 1998 ed abbandonata. Scendiamo al punto di partenza lungo una delle più tipiche morene laterali qui depositate dal ghiacciaio dell’Isonzo. Nella discesa potremo ammirare la ricca flora alpina e, se la fortuna ci assisterà, potremo vedere anche qualche camoscio, stambecco, marmotta, l’aquila alpina oppure l’avvoltoio dalla testa bianca.

Monte neroMonte rosso

 

 

 

 

 

TORNA ALL'INIZIO

 

ESCURSIONE N. 2 - CRESTA KAL - KRN

Punto di partenza: Drezniske Ravne (575 m) - Zaprikraj (1205 m) - Predolina (1300 m) - Kal (1700 m) - Vrsic (1787 m) - Oblo Brdo (1957 m) - Vrata (1938 m) - Krncica (2142 m) - Drezniske Ravne

Dislivello: 1500 lm – escursione molto impegnativa

Tempo richiesto: 8 -10 ore. Se si ha a disposizione un mezzo di trasporto fino a malga Zaplec, il dislivello è di 1000 m ed il tempo richiesto è di 6 -7 ore.

Equipaggiamento da montagna, bastone da marcia, indumenti di riserva, fanale da minatori, cibo, 2 l d’acqua a persona. Occorre un buon allenamento fisico per sport alpino: Nella stagione dell’alpeggio ci si può provvedere di acqua, ricotta e formaggio nella malga Zaprikraj.

Descrizione dell’escursione: si può salire fino all’abbeveratoio sopra Drezniske Ravne con la propria macchina ed una sconnessa strada sterrata porta a malga Zaplec distante 6 km. Si consiglia il fuoristrada. Dal punto d’ingresso nel Parco nazionale del Triglav (Tricorno) ci sono 10 minuti di cammino fino a malga Zaprikraj ed altri 15 minuti fino alle posizioni, ristrutturate, della II linea d’armata italiana sovrastanti malga Predolina. Qui si possono visitare posizioni blindate, fortifica-zioni , numerose caverne, resti di costruzioni e monumenti commemorativi (un cimitero abbando- nato a malga Zaplec, un monumento, ecc.). Si sale quindi lungo una mulattiera fino a Kal (guerra di mine) e percorrendo un’aspra cresta montuosa, conquistata dagli alpini già il 31 maggio 1915, si raggiunge la cima della Krncica. Lungo la strada si incontrano ruderi di costruzioni, posizioni blindate, nidi di mitragliatrici (Oblo brdo) e perfino di gallerie fino a Krncica. I soldati italiani potevano controllare dalle loro posizioni eccezionalmente dominanti e panoramiche le sottostanti posizioni dei difensori che si trovavano sopra malga Zagreben e sul Lemez. Fatta eccezione dei piani rocciosi dal Kanin, è difficile trovare esempi di roccia carsica d’alta montagna migliori di quella che si trova sotto la parete settentrionale della Krncica (a Laste). Per strada si possono ammirare le ricche flora e fauna alpine. La malga Zaprikraj è il punto di partenza per un’escursione un po’ più facile Krasji vrh – Debeljak, che è compresa nel programma TNP e del museo di Caporetto. Tempo richiesto: 5 – 6 ore.

Kal - KrnčicaMuzej Zaprikraj

 

 

 

 

 

TORNA ALL'INIZIO

 

ESCURSIONE N. 3 - KOLOVRAT – NA GRADU

Punto di partenza: Kobarid (Caporetto)

Tempo richiesto: 3 ore

Descrizione dell’escursione: percorso in macchina da Kobarid a Idrsko e poi a Livek, Livske Ravne e lungo la cresta del Kolovrat fino al museo all’aperto che si trova sotto quota 1114 - Na gradu. Particolarmente indicata per chi ha poco tempo e preferisce spostarsi in macchina.

Kolovrat1Kolovrat2

 

 

 

 

 

TORNA ALL'INIZIO

 

ESCURSIONE N. 4 - MRZLI VRH (MONTE MRZLI)

Punto di partenza: il villaggio Krn (840 m) - Pretovc - Mrzli vrh (1358 m)

Dislivello: 500 m - escursione non impegnativa

Tempo richiesto: 4 ore

Equipaggiamento: scarponi da montagna, torcia elettrica.

Descrizione dell’escursione: in macchina fino al villaggio di Krn, da qui si prosegue passando tra case di contadini e prati per giungere su una strada forestale che sale gradatamente sotto malga Sleme fino a malga Pretovc da dove si parte per visitare il campo di battaglia che si trovava sulla sommità del monte Mrzli. La visita ha due varianti: si può salire di 150 m sul lato meridionale fino a raggiungere una serie di caverne austro-ungariche scavate nella viva roccia. Nella caverna posta all’estremità orientale c’è, a pochi metri dall’ingresso, un altare dedicato a Maria Vergine dai soldati ungheresi. Lungo gli ingressi delle caverne si snodano verso il lato occidentale i camminamenti che salgono fini alla prima linea di difesa austro-ungarica, che scendeva verso malga Pretovc lungo la cresta circolare che divide i pascoli di malga Pretovc dai pascoli di malga Lapoc ad ovest. Le unità italiane conquistarono già nel primo mese del conflitto l’intera zona di malga Lapoc fino alla creta suddetta, poi continuarono ad attaccare per 28 mesi le posizioni austro-ungariche senza, tuttavia, riuscire a prenderle. Scendendo versoi malga Lapoc possiamo visitare le numerose caverne ed i ruderi delle posizioni italiane per tornare poi lungo un sentiero a malga Pretovc. Questa stessa visita si può fare anche in direzione opposta per salire poi in pochi minuti sulla cima del monte. L’escursione si può prolungare all’intera giornata se si desidera fare una visita dei ruderi più dettagliata e salire sul Vodil vrh sopra Tolmino o sul Visoc vrh, fino a malga Sleme donde si può fare ritorno al mezzo di trasporto attraversando le malghe del Monte Nero. Ciò vale anche se si desidera salire sul monte percorrendo la linea del vecchio fronte con partenza dal villaggio di Gabrje. Il fronte del monte Mrzli fu il più cruento dei fronti alto-isontini, infatti vi si svolsero gli scontri più imponenti ed accaniti. Le unità austro-ungariche dominavano il fronte dalle posizioni più elevate, perciò tutti gli attacchi italiani erano destinati, nonostante le gravi perdite subite, al fallimento. Una commovente testimonianza di questi eventi è costituita dalla chiesetta di Santo Spirito che si può visitare nella località di Javorca ai piedi del monte sovrastante la valle del fiume Tolminka. Fu eretta nel 1916 dai soldati austro-ungarici a memoria dei compagni caduti. Anche questa escursione come le altre effettuate nell’ambito del massiccio del Monte nero, si distingue per le eccezionali vedute panoramiche. Sebbene la via d’accesso sia relativamente breve, i visitatori possono godere di una veduta panoramica che spazia sui campi di battaglia dal Monte Nero fino alla testa di ponte di Tolmino.

Mrzli vrh1Mrzli vrh2

 

 

 

 

 

TORNA ALL'INIZIO

biglietto da visita

Kobariški muzej

Gregorčičeva ulica 10

5222 Kobarid

SLOVENIJA

tel: +386 (0)5 389 00 00

GSM: +386 (0)41 714 072

fax: +386 (0)5 389 00 02

Lokacija